★Luisa★

  • Quindi la sconfitta ti dà solo un motivo in più per continuare, eh?

Troppo ambivalente per i miei gusti!

La biblioteca della piscina - Alan Hollinghurst

E' un libro di lettura non facile con uno stile particolare... su questo non ci piove. Perchè? Perchè innanzitutto si tratta di un linguaggio che è raffinato/rozzo allo stesso tempo e poi perchè è un libro snob e, insieme, un pò volgarotto per la descrizione (narrata in prima persona dal protagonista) di certe scene che a lungo andare stancavano. 
Inoltre c'è più sesso che amore (quello vero) e questo mi ha dato fastidio perchè l'omosessualità è vista adesso come alla fine degli anni '90 sempre ed esclusivamente legata al sesso. Il sesso c'è e ci deve stare però non ho sopportato tutte le scopate di Will, prima con uno, poi con un altro ed un altro ancora... ci si diverte ok, ma non si può far questo per tutta la vita o sbaglio?! (Naturalmente è un comportamento che non accetto nemmeno nell'eterosessualità). 
Comunque sia, interessante il ritratto di questa Londra gay colta ma "nascosta", però la storia di per sè non mi ha convinta del tutto per i motivi sopracitati... preferisco storie con un linguaggio meno sofisticato e con più amore! D'altra parte ci sono più descrizioni (alcune abbastanza noiose) che dialoghi ed è una cosa che proprio non sopporto in un libro. 
Mah, forse l'unica cosa davvero interessante è stata la presentazione dei diari della vita di Lord Nantwitch (ma quante ne hai combinate, Charles?! :D).