★Luisa★

  • Quindi la sconfitta ti dà solo un motivo in più per continuare, eh?

«Quanto ti piaccio da uno a dieci?» «Undici.»

La Principessa Sbagliata: I viaggi di Nonsodove (Italian Edition) - Ester Trasforini

Ho scoperto La principessa sbagliata quasi per caso e da allora non l'ho perso di vista, documentandomi e notando che se ne parlava molto. Quindi appena ho avuto la possibilità di acquistarlo non ci ho pensato su due volte!
E' stata una piacevolissima scoperta, una bocca d'aria fresca in un periodo non proprio positivo per le letture. Non ho infatti resistito alla bella ed evocativa copertina unita alla trama intrigante e l'ho iniziato subito dopo averlo acquistato.
Ebbene, mi è davvero piaciuto il modo in cui l'autrice è riuscita a ribaltare le fiabe e il fantasy classico, dai ruoli (dimenticate il principe, la principessa, il cavaliere e addirittura il drago per come li conosciamo) ai soliti clichè (ecciù!) che caratterizzano questo genere... perchè qui è tutto sbagliato. Si parte, sì, dall'idea di salvare una principessa dalle grinfie di un drago ma lo svolgimento degli eventi è così insolito, particolare, esilarante...! Impossibile staccarsi dalle pagine, complice lo stile scorrevole, il ritmo incalzante e la brevità. Inoltre il romanzo ha quel tono umoristico e sarcastico che tanto apprezzo in una storia, ed è infarcito di riferimenti ben incastonati a libri, film e addirittura anime che possono essere colti solo dai più nerd ♥ è un elemento che ho trovato semplicemente geniale.
E che dire dei personaggi? Li ho adorati. Abbiamo Gemma, ragazza mascolina cresciuta tra le montagne come una boscaiola con una personalità forte, decisa e che non ha peli sulla lingua; la principessa, che è tutto fuorchè una principessa come ce la immaginiamo e a differenza della nostra protagonista ha un carattere tranquillo, è gentile, educata e intelligente; e infine Fiorenzo, uno zombie spaventapasseri che ricorda un pò la figura del nonno con i suoi saggi consigli, lamenti per i giovani d'oggi e la sua nostalgia dei bei tempi andati. E' un trio insolito a cui è impossibile non affezionarsi, durante quest'avventura.
Comunque il libro non è solo una parodia che diverte, ma nasconde un significato più profondo; ha una connotazione istruttiva ed educativa e tocca delle tematiche importanti come l'identità di genere, il ruolo della donna e il suo desiderio di indipendenza, la paura del diverso e di ciò che non si conosce, il non fermarsi alle apparenze e andare oltre l'abito che si indossa, il sentirsi non apprezzato e accettato in una società che ti vuole "normale".
In definitiva penso sia meritevole, originale, simpatico, a tratti dolce e che fa riflettere... forse l'unica pecca è l'assenza di descrizioni a favore di tanti dialoghi ma ciò non toglie che sia godibilissimo, pertanto lo consiglio se avete voglia di una storia fuori dagli schemi, con un finale non scontato o banale! Se ci fosse un ipotetico seguito lo leggerei sicuramente.

 

Sai, è strano. Se fossimo in una fiaba, io sarei la principessa e tu il cavaliere che mi ha liberato. Nel finale tu uccideresti il drago, ci sposeremmo e vivremmo per sempre felici e contenti. Ma le fiabe non esistono. Io sono la principessa sbagliata, e tu un cavaliere senza destriero. Il nostro destino è crudele.