★Luisa★

  • Quindi la sconfitta ti dà solo un motivo in più per continuare, eh?

Tra i sentimenti umani, la gelosia e il rancore sono le forme di energia più forti.

Sugar Sugar Rune N. 8 - Moyoco Anno

Sugar sugar rune è uno di quei manga che riscalda il cuore nella giornata più fredda che possa capitare.
Si tratta di un majokko che solo a guardarne le copertine dei volumi, i disegni pucciosi, l'ambientazione... ti fa venire voglia di stare sotto le coperte, bere una tazza di cioccolata calda, mangiare tanti dolci e chiudere fuori il mondo ♥ o almeno questa è la sensazione che ho avuto io mentre leggevo.
Da premettere che è una storia semplice e se l'avessi scoperta e letta con qualche anno in meno sulle spalle l'avrei sicuramente adorata. Ciò non toglie che mi sia piaciuta abbastanza, volevo qualcosa di leggero ma non frivolo nei contenuti e non sono rimasta delusa. Anzi dietro la sua apparente semplicità e leggerezza si cela un significato piuttosto profondo: in primis che a volte il confine tra il bene e il male non è poi così netto come sembra. Spesso ci si basa sulle prime impressioni e apparenze perchè si hanno dei forti pregiudizi o più comunemente si è ottusi e non si riesce ad andare OLTRE. Un esempio in tal senso è rappresentato dal personaggio di Pierre che inizialmente incarna il "cattivo" e i sentimenti più negativi dell'essere umano quando invece in realtà è lui stesso una vittima; ammetto infatti che, pur considerandolo figo, mi faceva parecchia antipatia come penso sia normale ad un primo impatto... normale per chi si ferma alle apparenze voglio dire. Credo sia una cosa troppo insita in noi per poterla cambiare, tranne forse per coloro che hanno una certa sensibilità e immedesimazione nel prossimo. Ma in generale penso che -purtroppo- giudicheremo sempre sulla base delle apparenze, facendoci influenzare dagli altri, perchè è più facile seguire la massa che andare controcorrente.
Ricollegandomi a questo discorso, altro fattore su cui riflettere è che il manga, più che concentrarsi sulla storia o la caratterizzazione dei personaggi (dopotutto è una serie breve, di soli 8 volumi) si sofferma proprio sull'essere umano e le sue infinite sfaccettature. Mi è piaciuta un sacco quest'idea dei cuori di colori diversi, ognuno dei quali rappresenta sentimenti positivi e negativi... Amore, amicizia, paura, rabbia, tristezza, felicità, gelosia, solitudine e chi più ne ha più ne metta! A volte prevalgono gli uni, a volte gli altri ma fanno ugualmente parte di noi.
Mentre per quanto riguarda i personaggi praticamente mi sono piaciuti tutti e, pur non essendo super approfonditi, si distinguono per le loro caratteristiche principali. In particolare mi sono rivista in Vanilla: fragile, indecisa, insicura e apparentemente debole cede all'invidia nei confronti della popolare, forte e scontrosa Chocola che poi si scopre tenera e buona. Due personalità differenti, all'opposto direi, ma che colpiscono per la loro diversità. Impossibile non immedesimarsi almeno un pò in una delle due o entrambe... le ho adorate: hanno un'amicizia vera, fatta di cose belle ma anche di litigi e difficoltà da superare insieme.
In definitiva per me non è un capolavoro che rimane impresso (il fattore età influenza sicuramente) ma è carinissimo, piacevole, dolce e trasmette messaggi e insegnamenti positivi. Quindi se avete voglia di tutto ciò... lasciatevi stregare da questa magica avventura :')