★Luisa★

  • Quindi la sconfitta ti dà solo un motivo in più per continuare, eh?

Le storie con un lieto fine sono solo storie non ancora finite.

I nostri cuori chimici (Italian Edition) - Krystal Southerland

E' uno YA carino, delicato e piacevole che, nella sua semplicità, risulta essere attuale e significativo.
Diciamo infatti che, pur toccando tematiche importanti come la morte e l'elaborazione di un lutto, oltre a quelle tipiche dell'adolescenza, è da leggere senza troppe pretese perchè alla fine come storia non è niente di originale. Sono stata attirata principalmente dal titolo insolito, ma non avevo grandi aspettative anche se dalla trama poteva fare al caso mio. Ebbene, questo libro mi ha intrigato e preso fin dalle prime pagine: ha uno stile molto scorrevole, ironico, divertente e serio e triste al punto giusto senza quindi risultare pesante o drammatico. Ha quel nonsoche di diverso, un'atmosfera cupa, poetica e malinconica... e la cosa che secondo me lo distingue da altri libri del suo genere è che mostra una diversa prospettiva dell'amore: non quello che tutti, come il dolce protagonista Henry, sogniamo e agogniamo ma un amore inteso come scienza, come un qualcosa che ci fa provare sì belle emozioni ma si innesta nel cervello. Una reazione chimica insomma... paragonabile al bisogno di mangiare, bere, respirare. Inoltre mostra come esso non possa essere quantificato e misurato: può durare una settimana, un mese, un anno ma sempre di amore si tratta e non per questo è meno importante o vero di un altro più duraturo o non farà meno male se finisce.

 

Ma l'amore è scienza. Voglio dire, si tratta solo di una reazione chimica nel cervello. A volte la reazione dura una vita, ripetendosi costantemente. Altre no. Altre si trasforma in una supernova e inizia a spegnersi. Siamo solo dei cuori chimici.
Questo rende l'amore meno folgorante? Non penso.

 

In generale penso che il libro, nel suo essere pacato, offra alcune perle di saggezza, nuovi spunti di riflessione, nuove prospettive da prendere in considerazione. I comportamenti e i pensieri dei personaggi (in particolare quelli di Grace e Sadie, la sorella di Henry) possono non essere condivisi ma permettono di rivalutare la concezione idilliaca che abbiamo sempre avuto dell'amore.
Ammetto che mi aspettavo più intensità visto il tipo di storia narrata, e soprattutto un finale un pò meno amaro... ma va bene lo stesso, questo è ciò che lo rende realista perchè non sempre le cose vanno come vuoi. E' un romanzo di formazione godibilissimo e sicuramente lo consiglio sia agli appassionati del genere sia a giovani che adulti.